Il club delle lettrici compulsive

Accadde un’estate – AA.VV.

Accadde un'estate Book Cover Accadde un'estate
AA.VV.
Racconti di generi diversi
Self-publishing
2024
Digitale - Cartaceo
281
Fornito dall'autrice

A cosa pensate quando sentite la parola “Estate”? E se aggiungessimo l’aggettivo “speciale”? Lo abbiamo chiesto a diciotto talentuose autrici, che hanno dato una loro diversa e personalissima interpretazione. È così che nasce Accadde un’estate, una raccolta di racconti in cui potrete trovare le varie sfumature dell’estate: un’assolata giornata in spiaggia, un nostalgico ricordo, un incontro inatteso, un oggetto perduto, un sentimento imprevisto che risana, un primo amore perso o ritrovato. Risate, lacrime, malinconia, ma anche ricerca, esperienze, amicizia.
Il genere predominante è il romance contemporaneo, tuttavia non mancano incursioni in diverse epoche storiche con storie ricche di pathos e spunti di riflessione.
L’intero ricavato sarà devoluto all’Associazione Gomitolorosa, che promuove il lavoro a maglia negli ospedali come strumento per ridurre l’ansia in pazienti, soprattutto oncologici, utilizzando gomitoli prodotti con lana italiana in sovrapproduzione. Un’iniziativa ammirevole e solidale, a cui possiamo dare un contributo tutti insieme.
E ora… tocca a voi!

Oggi partecipiamo al review tour di Accadde un’estate, una raccolta di racconti scritti da diciotto autrici talentuosissime che si sono messe in gioco per beneficenza.
L’intero ricavato della vendita di questo libro, infatti, verrà devoluto all’associazione Gomitolorosa.

Vi spiego meglio, ma partiamo dal libro.

Accadde un’estate – AA. VV.

accadde un'estate

 

A cosa pensate quando sentite la parola “Estate”? E se aggiungessimo l’aggettivo “speciale”? Lo abbiamo chiesto a diciotto talentuose autrici, che hanno dato una loro diversa e personalissima interpretazione. È così che nasce Accadde un’estate, una raccolta di racconti in cui potrete trovare le varie sfumature dell’estate: un’assolata giornata in spiaggia, un nostalgico ricordo, un incontro inatteso, un oggetto perduto, un sentimento imprevisto che risana, un primo amore perso o ritrovato. Risate, lacrime, malinconia, ma anche ricerca, esperienze, amicizia.

Il genere predominante è il romance contemporaneo, tuttavia non mancano incursioni in diverse epoche storiche con storie ricche di pathos e spunti di riflessione.

L’intero ricavato sarà devoluto all’Associazione Gomitolorosa, che promuove il lavoro a maglia negli ospedali come strumento per ridurre l’ansia in pazienti, soprattutto oncologici, utilizzando gomitoli prodotti con lana italiana in sovrapproduzione. Un’iniziativa ammirevole e solidale, a cui possiamo dare un contributo tutti insieme.

E ora… tocca a voi!

Autrici partecipanti: Emma Black, Silvia Bucchi, Roby Y. Calaudi, Giovanna Caldara, Tatjana Ciotta, Cassandra Lloyd, Jessica Marchionne, Monica Marmentini, Giusy Marrone, Norah Martini, Maria Erika Martino, Lara Premi, Anne Louise Rachelle, Constance S., Tania Sarnà, Judith Sparkle, Susy Tomasiello, Chiara Zanini.

Vuoi acquistare il libro su Amazon? Clicca qui per la versione digitale.
Clicca qui per la versione cartacea.


GOMITOLOROSA

Gomitolorosa Ente Filantropico è un’associazione riconosciuta che promuove il lavoro a maglia negli ospedali come strumento per ridurre l’ansia in pazienti, soprattutto oncologici, utilizzando gomitoli prodotti con lana italiana in sovrapproduzione.

È stata fondata nel 2012 a Biella, città della lana, da un’idea del dottor Alberto Costa, chirurgo oncologo riconosciuto a livello internazionale per il suo contributo all’avanzamento della cura dei tumori al seno. Con Gomitolorosa la lana da rifiuto speciale diventa risorsa solidale!

L’Associazione, infatti, è anche impegnata nel recupero e nella lavorazione della lana autoctona di scarto (altrimenti bruciata o abbandonata nei campi) con cui crea gomitoli di pura lana vergine certificata in quindici diversi colori, secondo un codice internazionale che attribuisce ad ogni malattia una tonalità differente. La lana recuperata sotto forma di gomitoli, viene usata per la lanaterapia negli ospedali, e per progetti di maglia solidale che coinvolgono Associazioni e amanti del lavoro a maglia su tutto il territorio nazionale, che offrono il loro lavoro manuale volontario per la realizzazione di manufatti volti alla solidarietà sociale, donati dunque a persone in difficoltà (pazienti, donne, bambini, disabili, persone socialmente escluse) o per il supporto di campagne di sensibilizzazione sulla salute.

Dal 2012, anno della sua fondazione, Gomitolorosa ha recuperato oltre ventimila chili di lana sucida. Da un chilo di lana appena tosata, si ottengono circa quattro gomitoli da centogrammi: il necessario per una copertina.

Info e contatti Gomitolorosa
Website: www.gomitolorosa.org
Instagram: @gomitolorosa
Facebook: @Gomitolorosa
E-mail: segreteria@gomitolorosa.org


Recensire i racconti non è mai facile perché sono brevi per definizione ed è un attimo dire troppo e, lo sapete, lo spoiler è un peccato mortale.

Accadde un’estate: Orietur in tenebris, lux tua di Roby Y. Calaudi

accadde un'estate

Roby Calaudi torna con un racconto carino da matti che ripesca due protagonisti che abbiamo già incontrato, ma in una veste completamente diversa, più matura.
Non vi dico di chi si tratta perché è una sorpresa, una coccola per chi ha avuto modo di leggere Sarò la tua stella. Se non doveste averlo letto, non temete! I due protagonisti vi sapranno conquistare di sicuro.

Entrambi hanno un passato importante, entrambi sono stati segnati in qualche modo, ma sarà durante l’estate che riusciranno a rimettere insieme i pezzi.

«È un proverbio latino. Significa: “nascerà dalle tenebre, la tua luce”. […] È la testimonianza di come è possibile uscire dall’oscurità anche quando non crediamo nella luce. È vero, a volte serve una spinta esterna, ma siamo noi a volerlo e a riuscirci.»

Ho adorato questo racconto perché parla di speranza e di rinascita, di affetti condivisi, di ricordi di un passato ingombrante che però costituisce un passo fondamentale per un futuro più luminoso, più sereno.

Accadde un’estate – Il verso delle cicale di Giovanna Caldara

il verso delle cicale

Le protagoniste del racconto di Giovanna Caldara sono Emma, ospite in una residenza per anziani, e Lucia, la sua infermiera.

Quando Lucia, la sua infermiera preferita, aveva spinto la sedia a rotelle in giardino, Emma aveva sorriso come una bambina.
«Emma, ti lascio qui a goderti un po’ d’ombra, va bene?»
Emma aveva annuito.

Non voglio dirvi altro su questo racconto perché ogni riga è una sorpresa, dolce-amara, certo, ma pur sempre una sorpresa. Gli argomenti che Giovanna Caldara tocca vi porteranno a riflettere per forza di cose, a porvi delle domande. Lo stile della Caldara è delicato come le ali di una farfalla e mi è piaciuto tantissimo il modo in cui ha trattato il tema principale di questo racconto. Si parla di empatia, di solidarietà, di cose che la vita ci toglie ma anche di quelle che ci dà, nonostante non sempre siano nella forma in cui ce le saremmo aspettate.

Devo dire che mi ha commossa in modo particolare perché, come vi ho già raccontato in altre occasioni, in passato sono stata io la Lucia della situazione, e pazienti come Emma erano la mia quotidianità.

Questi sono solo due dei racconti che compongono Accadde un’estate. Gli altri? Anche gli altri sono stupendi! Vi lascio il calendario dell’evento, in modo che possiate seguire il discovery tour del libro e scoprire cosa vi aspetta.

calendario

Resta connessə. Segui la nostra pagina Facebook e il nostro profilo Instagram, in modo da non perderti nemmeno una novità.

NdA: il libro mi è stato fornito perché potessi recensirlo. Questo non ha influito sulla mia opinione finale.
Il blog è affiliato ad Amazon. Cliccando sul link di acquisto ci aiuterai a mantenere attivo il blog senza pubblicità. Il prezzo per te non cambierà.

 

Pubblicato da Sara Emme

Sono Sara e sono una lettrice compulsiva. Ho vissuto in Cina dal 2009 al 2017. Oltre ai libri, amo i viaggi, la fotografia, i gatti e la buona cucina. Appassionata di Harry Potter e del magico mondo creato dalla Rowling, passo la vita trascinando il mio povero marito (sant'uomo!) per i parchi a tema sparsi per il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.